Sospendere subito la riscossione del corrispettivo depurazione ad Andora

RivierAcqua disponibile a rivedere le bollette “pazze”

0
29

Positivo incontro oggi tra le associazioni dei consumatori liguri e Rivieracqua. Assoutenti, Adiconsum, Adoc, Federconsumatori e Lega Consumatori hanno infatti incontrato l’amministratore delegato e il direttore di Rivieracqua per fare il punto sulle bollette di conguaglio recapitate nei mesi scorsi agli utenti.

Le parti hanno convenuto di attivare un’immediata procedura di verifica del calcolo delle bollette “pazze” in base alla quale le associazioni potranno avere un giorno alla settimana disponibile per il confronto con gli uffici tecnici dell’azienda, in modo da analizzare i casi in cui modificare le fatture errate inviate agli utenti.

Si è ribadito inoltre che per importi inferiori ai 200 euro la rateizzazione va richiesta dai clienti, mentre al di sopra dei 200 euro la rateizzazione avverrà d’ufficio, attraverso le nuove bollette.

Le associazioni dei consumatori hanno poi confermato l’importanza di incontrarsi con l’Ato di Imperia per meglio definire il piano tariffario. Infine è intervenuto l’avvocato Giulio Muzio di Onda Ligure, associazione federata ad Assoutenti, per sottolineare la necessità di sospendere il pagamento dei corrispettivi di depurazione nel Comune di Andora ed effettuare il ricalcolo per quanto non dovuto nei comuni di Imperia e Diano Marina relativamente ai periodi in cui gli impianti non hanno funzionato.