Ponte Morandi, Assoutenti: “Nostra esclusione da processo è gravissimo vulnus giudiziario”

0
64

COMUNICATO STAMPA
7 marzo 2024

Ponte Morandi, Assoutenti: nostra esclusione da processo è gravissimo vulnus giudiziario

Pronti al ricorso alla Corte di giustizia Ue e alla Corte Europea dei diritti dell’uomo. Preclusi i diritti fondamentali dei cittadini nella loro veste di consumatori e utenti.

Con l’ordinanza odierna il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Genova ha escluso Assoutenti e altre associazioni dal processo denominato “Morandi Bis”. Una provvedimento che viola i principi fondamentali che assicurano i diritti dei cittadini ad avere giustizia, e una decisione alquanto discutibile perché non riconosce, cancellando con violenza e superficialità, un’attività nel settore dei trasporti ferroviari, stradali e navali che Assoutenti porta avanti con determinazione dal lontano 1982.
“E’ un’ordinanza di esclusione semplicemente infondata – dice Luca Cesareo, legale di Assoutenti che ha presentato la domanda di costituzione anche per conto del comitato di cittadini danneggiati dalla barriere fonoassorbenti – Un provvedimento giudiziario che ci preoccupa per la sommarietà motivazionale da cui scaturisce”.
“Non ci fermeremo qui, i diritti lesi sono quelli fondamentali all’equo processo, alla protezione della proprietà, alla libertà di pensiero, e per questo ricorreremo alla Corte Europea dei Diritti dell’uomo e alla Corte di Giustizia Europea contro questa assurda decisione del tribunale. Nessun cittadino che si è rivolto a noi sarà lasciato solo. Per loro e per la storia di Assoutenti, andremo avanti finché non avremo giustizia.”