La manovra del Comune di Genova 2013 non è fatta in nostro nome

0
646
doria_marco

doria_marco
Il Consiglio Comunale del Comune di Genova si appresta ad approvare una manovra di bilancio  preceduta da rincari e aumenti delle tariffe AMT di oltre 7 milioni di euro. In particolare le famiglie genovesi pagheranno in più 25 milioni di euro per la casa, 12 milioni di euro per i rifiuti e almeno un altro milione di euro per i servizi scolastici.

Per scaricare il volantin clicca QUI

 

Questi pesanti sacrifici vengono imposti nel nome della difesa della socialità. Se anche fosse non è equa perchè colpisce tutti indipendentemente dal reddito, ma cosi non è. Questa manovra non garantisce l’assistenza ai più deboli, essa viene fatta per garantire risorse alle aziende partecipate (AMT, ASTER, Carlo FELICE, ecc.) lasciando pressochè immutata l’organizzazione dei servizi con sprechi e inefficienze che i genovesi subiscono ogni giorno. E’ la manovra di chi non vuole cambiare nulla e colpire sempre i soliti noti.

 

RESPINGIAMOLA!

 

Difronte a questo stato di cose ne chiediamo una semplice al Sindaco, alla Giunta, al Consiglio Comunale: ritirare la manovra. Gli otto mesi di ritardo per farla, evidentemente, non sono serviti. Chiediamo dunque il rinvio a settembre e un segno diverso che preveda: lotta agli sprechi, maggiore efficienza e più equità.

 

RESTITUIAMO LE CHIAVI DELLE NOSTRE CASE AL COMUNE!

 

Uno degli aspetti più odiosi della manovra e il rincaro dell’IMU per la prima casa e per i canoni di affitto concordati. Difatto si sceglie di colpire il diritto alla casa! Consegniamo simbolicamente al Sindaco le chiavi delle nostre case (sempre meno nostre e sempre più divorate dalle tasse)

 

LUNEDI’ 29 LUGLIO 2013 

alle ore 14.30 a Palazzo Tursi

 

durante il Consiglio Comunale e chiediamo a tutti i consiglieri comunali che abbiamo eletto di non approvare la manovra di bilancio 2013.

Le Associazioni Aderenti