Come evitare le truffe dei saldi: le regole d’oro per gli acquisti online e offline

In Liguria i saldi iniziano il 6 luglio e si concludono il 19 agosto: i consigli per affrontarli al meglio

0
970
saldi

Non vedi l’ora che inizino i saldi, ma hai paura delle truffe? Potresti aver ragione: esistono persone disoneste che provano ad approfittarsi di questo particolare periodo.

Sappi, però, che basta poco per evitare le truffe e fare acquisti sicuri e convenienti. Abbiamo raccolto per te nove consigli anti-truffa utili per il periodo di saldi, sia che tu faccia acquisti online che nei negozi fisici. Non dovrai far altro che porre un po’ di attenzione e potrai evitare acquisti fraudolenti.

Le 5 regole da rispettare per evitare le truffe con gli acquisti online e offline

  • Non ti fidare degli sconti troppo elevati

Sconti superiori al 50% possono essere molto sospetti. Potrebbero infatti essere applicati su un costo originale più alto della media o potrebbero essere messe in saldo rimanenze di magazzino e non merce della stagione in corso.

  • Diffida di chi non accetta tutti i metodi di pagamento

Se puoi comprare con carta di credito, bancomat o altre forme di pagamento tracciabile, sai che chi vende non teme un reclamo. Se in negozio vogliono solo contanti o online propongono un bonifico bancario, non ti fidare: con questi pagamenti è più difficile certificare che hai fatto quello specifico acquisto.

  • Attenzione ai prezzi

Sia online che nei negozi fisici la strategia migliore per evitare truffe è fare attenzione ai prezzi sia prima che durante i saldi. Se non hai potuto controllare il costo prima dei saldi, ci sono altre cose che possono aiutarti a fare la scelta più sicura. Ovvero:

  • su ogni prodotto deve essere indicato: il costo originale, la percentuale di sconto e il costo in saldo.
  • negli e-commerce deve essere indicato il costo più basso applicato nei 30 giorni precedenti.
  • non tutti i costi e i saldi sono uguali: prenditi il tempo per confrontare i prezzi di quel prodotto con altri negozi
  • Controlla che le politiche di reso e rimborso siano sempre le stesse

Sia nei negozi fisici che online hai sempre, anche durante i saldi, il diritto di sostituzione di un prodotto difettoso. Online, per la grande maggioranza dei prodotti, hai il diritto di restituzione del pezzo integro –  anche senza motivarne la ragione – entro 14 giorni dalla ricezione. I diritti dei consumatori valgono sempre anche per i prodotti in saldo.

  • Conserva sempre le ricevute dei tuoi acquisti

Tieni al sicuro scontrini, cartellini dei prezzi, ricevute di pagamento, email di conferma ordine… Finché non hai la certezza di aver evitato una truffa, conserva con attenzione tutte le pezze d’appoggio a tua disposizione.

A cosa devi fare attenzione per evitare le truffe negli e-commerce

  • Controlla che il sito sia sicuro

Gli elementi che rendono un sito affidabile sono molto facili da riconoscere: prima di tutto in alto, accanto all’indirizzo del sito, trovi un’icona che, se cliccata, mostra i dati di chi ha comprato quell’indirizzo e ti dice se la connessione è sicura. Diffida se trovi una connessione “non sicura” e il nome della proprietà è diverso da quello del sito.

Altri elementi che possono aiutarti a capire che un sito non è sicuro sono:

  • nomi o aspetto che sono simili a quelli di altri negozi famosi
  • testi poco chiari o scorretti nelle descrizioni dei prodotti
  • immagini di prodotto poco chiare
  • mancanza di informazioni circa le regole di spedizione, i metodi di pagamento o le modalità di recesso: non solo sono dati obbligatori, ma un venditore onesto si preoccuperà che li capiate bene.
  • Controlla sempre chi è il venditore

In particolare quando acquisti da siti raccoglitori o portali (ad esempio Amazon), verifica sempre chi vende e spedisce la merce; dovrebbe essere scritto chiaramente su ogni prodotto. Verifica il venditore anche su siti che dovrebbero appartenere a un unico negozio: puoi trovare queste informazioni nel footer (i dati in basso nel sito) dove devono essere indicati per legge nome, indirizzo e un contatto email. Se questi dati mancano o sono contrastanti con altre parti del sito, non ti fidare.

Altri due consigli specifici per evitare le truffe dei saldi nei negozi

  • Acquista solo nei negozi fidati

Spesso vengono aperti dei “negozi temporanei” nel periodo dei saldi: alcuni sono affidabili e sicuri, altri potrebbero essere stati installati appositamente per truffare gli acquirenti. Se non siete sicuri del negozio in cui state acquistando, meglio evitare.

  • Controlla bene i prodotti

Verifica bene il prodotto che stai acquistando: cerca i difetti e, se possibile, chiedi di provarlo. Il negoziante non è obbligato a far provare la merce, ma in alcuni casi, rifiutare la prova può essere considerato sospetto.

Cosa fare se pensi di aver subito una truffa durante i saldi

Sebbene possa sembrare controproducente, la prima cosa da fare è contattare il venditore: potrebbe esserci stato un malinteso e potresti risolvere in breve tempo.

Se il negozio non ti risponde o non ti dà ragione senza validi motivi, hai diverse soluzioni davanti a te:

  • puoi denunciare le truffe online alla Polizia Postale nel commissariato più vicino a te (clicca qui per l’elenco completo). A breve sarà disponibile anche la denuncia online sul sito.
  • puoi rivolgerti alla Guardia di Finanza che ha competenza in termini di contraffazione e frodi finanziarie. Puoi chiamare il numero verde 800.66.96.66 o trovare il reparto più vicino a te (cliccando qui)
  • puoi rivolgerti a un’associazione di consumatori: Assoutenti può tutelarti e far valere i tuoi diritti se pensi di aver subito una truffa
  • puoi infine fare una denuncia online all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato – AGCM (qui trovi il link per fare la denuncia e tutte le informazioni utili).

Un ultimo, importante, consiglio: fai attenzione alla contraffazione!

I prodotti contraffatti, ovvero quelli che imitano un prodotto originale spesso molto famoso e costoso, sono dannosi per l’intero sistema di vendita, ma possono essere anche pericolosi per chi li acquista.

Un prodotto contraffatto può:

  • non rispettare gli standard di sicurezza minimi e quindi risultare pericoloso o anche poco duraturo nel tempo
  • non rientrare nei normali sistemi di vendita e quindi levare un introito allo stato che invece è versato dai produttori e venditori dei prodotti originali.
  • finanziare la criminalità organizzata

Da cinque anni, Assoutenti e altre associazioni di consumatori, danno vita alla campagna “Io sono originale” per combattere la contraffazione e sensibilizzare le persone sui rischi legati al commercio di materiali contraffatti.

Se desideri rimanere sempre aggiornato sulle attività e gli eventi del progetto, ti invitiamo a seguirci su Facebook CLICCANDO QUI.