APPROVATO A STRAGRANDE MAGGIORANZA L’ACCORDO SUI RIMBORSI AMT – LA LOTTA PAGA

0
697

Al referendum promosso on line (tramite facebook e il sito dell’associazione), per posta elettronica, per sms e per telefono hanno partecipato 2061 persone pari al 74% degli utenti che aveva fato domanda di rimborso all’Assoutenti.
I SI all’accordo sono stati 1419 (68,9%) mentre i voti contrari 642 (31,1%).
Con questa approvazione viene reso più forte il diritto degli utenti nei confronti di AMT che, per la prima volta in Italia, ha riconosciuto un rimborso dei titoli di viaggio per cause non dipendenti dall’azienda (scioperi selvaggi di novembre) accogliendo le richieste delle associazioni dei consumatori (modificando anche la carta dei servizi) che sostenevano la necessità di una attenzione all’utenza anche a seguito del saldo attivo tra mancati introiti da biglietti di corsa semplice e riduzione dei costi (spese personale, carburante, ecc) durante gli scioperi. Tra le ragioni del NO quelle di ritenere insufficienti i 5 gg in più sull’abbonamento annuale in particolare per chi ha sostenuto spese documentate e l’esclusione dai rimborsi degli abbonamenti a tariffa sociale, argomenti sui quali Assoutenti chiederà un ulteriore confronto all’azienda. ORA vediamo le modalità dei rimborsi:
 
1) a TUTTI gli abbonati annuali viene riconosciuto un bonus di 5 gg all’atto del rinnovo a partire dal 1 giugno 2014 e fino al 31 maggio 2015 (PRESSO I PUNTI AMT)
2) agli abbonati mensili a tariffa ordinaria viene riconosciuto un bonus omnicomprensivo di 16 euro sugli acquisti di abbonamento nei mesi di luglio e agosto (PRESSO TUTTI I PUNTI VENDITA)
3) agli abbonati settimanali che restituiscono entro il 30 aprile 2014 il titolo di viaggio acquistato nella settimana 19 – 23 novembre 2013  verrà rilasciato un nuovo settimanale (PRESSO LO SPORTELLO ASSOUTENTI DI VICO SUPERIORE DEL FERRO 17R)
4) a tutti coloro che acquistano un nuovo abbonamento annuale (no rinnovi) tra il 1 maggio e il 31 luglio 2014 verrà regalato un mese (12+1) all’atto di acquisto.
 
A parte continueremo ad agire per coloro i quali hanno presentato richiesta documentata di rimborso delle spese alternative sostenute. a tutti un sentito grazie consapevoli che  dovevamo avere di più per i disagi patiti, ma non  è che l’inizio e la voglia di lottare per una legge sugli scioperi nei servizi di trasporto pubblico che rimborsi più adeguatamente l’utenza c’è tutta.