Il cemento “senza ERRE” nelle parole di Gianni Rodari

0
419

“Ladro di ERRE”, la poesia che Gianni Rodari scrisse 5 anni prima della costruzione di Ponte Morandi, oggi riecheggia tristemente profetica dopo il crollo del viadotto sul Polcevera.

C’è, chi dà la colpa
alle piene di primavera,
al peso di un grassone
che viaggiava in autocorriera:
io non mi meraviglio
che il ponte sia crollato,
perché l’avevano fatto
di cemento “amato”.
Invece doveva essere
“armato”, s’intende,
ma la erre c’è sempre
qualcuno che se la prende.
Il cemento senza erre
(oppure con l’erre moscia)
fa il pilone deboluccio
e l’arcata troppo floscia.
In conclusione, il ponte
è colato a picco,
e il ladro di “erre”
è diventato ricco:
passeggia per la città,
va al mare d’estate,
e in tasca gli tintinnano
le “erre” rubate.

Gianni Rodari – (1962)