DENUNCIA DI ASSOUTENTI: GENOVA TARIFFE PIU’ CARE D’ITALIA CON I SERVIZI PEGGIORI

0
594
Genova - piazza Gerolamo Savonarola - il problema annoso dei parcheggi a pagamento e delle aree di sosta blu

Con la presente ricerca Assoutenti ha raccolto e confrontato le tariffe di alcuni servizi pubblici in città, comparandoli con quelle di altre cinque centri di dimensioni scelti in una “forbice” tra 300 mila e 900 mila abitanti.

La comparazione ha preso in considerazione le tariffe dei servizi pubblici di:

  • Trasporto pubblico locale – Taxi – Parcheggi
  • raccolta e smaltimento rifiuti, igiene urbana
  • ristorazione scolastica

Le città esaminate sono Torino – Genova – Firenze – Palermo – Bologna – Bari (aree metropolitane comprese tra i 300.000 e i 900.000 abitanti)

Su 16 variabili tariffarie divise in 5 categorie Genova è risultata la città più cara 12 volte.

«I costi che abbiamo semplicemente documentato non sono più né sopportabili né giustificabili – dice il presidente Assoutenti Furio Truzzi, – o almeno noi non vediamo una correlazione con i livelli di qualità che li giustifichino: non abbiamo né parcheggi d’oro né taxi col profumo di colonia o bus con ammortizzatori che consentano viaggi da prima classe».

I parcheggi d’oro

Tariffa di parcheggio /h

TORINO GENOVA FIRENZE PALERMO BOLOGNA BARI
 

Zona Centrale

2,50 2,50 1° ora – 2,00

 

succ. – 3,00

1,00 Cerchia dei mille – 2,40

 

Centro storico – 1,80

2,00
Zona Semicentrale 1,50 2,00 1,50 1,00 1,50 1,00
Zona Periferica 1,30 1,50 1,00 1,00 1,20 1,00

 

Genova risulta la città più cara per la zona centrale (insieme a Torino), per la zona semicentrale e per la zona periferica inoltre ha il rapporto più  elevato tra stalli di sosta libera e a pagamento. Infine è l’unica città dove i parcheggi pubblici a pagamento non sono gestiti dalla locale azienda di trasporto.

 

Tariffa Taxi

 

TORINO GENOVA FIRENZE PALERMO BOLOGNA BARI
Alla partenza 3,50 5,00 3,30 3,81 3,00 3,00

 

Genova è la città più cara anche in rapporto ai brevi tratti ai quali vanno sommati gli scatti. Infatti la “bandiera di partenza” fa risultare sconveniente con tutte le altre città i tratti entro i 3km.

 

Tariffa trasporto urbano

Trasporto  Bus

TORINO GENOVA FIRENZE PALERMO BOLOGNA BARI
Biglietto corsa semplice 90 min – 1,50 100 min – 1,50 90 min – 1,20 90 min – 1,40 75 min – 1,30 100 min (1) – 1,20
100 min+FS – 1,60
Abbonamento mensile +FS – 38,00 +FS – 46,00 +FS – 35,00 32,00 Cedibile – 36,00 35,00
Abbonamento annuale +FS – 310,00 +FS (2)  – 365,00 +FS – 310,00 300,00 Cedibile – 330,00

Personale – 300,00 Pers. + FS (3) – 370,00

250,00
 

Mensile Giovani

 

+FS – 21,00

 

Non emesso

 

+FS – 23,00

 

Under 27 (4)  – 15,00

 

Under 27 (5)  – 27,00

Studenti – 20,00

 

Univ. – 12,00

Annuale Giovani +FS pag. rate – 216,00

+FS pag. unico – 200,00

Under 14 – 240,00

Under 26 (6) – 255,00

+FS – 185,00 Under 27 (7)  – 150,00 Under 27 (8) – 220,00 Under 27+FS (9)  – 290,00 Studenti 180,00

Univ.: 70,00

 

Per quanto non sia facile comparare le tariffe nella “giungla” delle reti di trasporto locale emergono i seguenti dati significativi:

  • biglietto di corsa semplice: riparametrando le tariffe al tempo standard di 90 min. Genova risulta la seconda città più cara dopo Torino (preme ricordare che l’aumento a 100 min a parità di tariffa è stato introdotto nel 2010 su richiesta delle associazioni dei consumatori);
  • Abbonamento mensile: Genova è di gran lunga la città più cara superando di 8 euro la seconda classificata che è Torino;
  • Abbonamento annuale: pur considerando la tariffa aziendale di 365 euro anziché quella individuale di 395 Genova risulta la città più cara essendo per altro improponibile il confronto con la tariffa di 370 euro di Bologna che consente di viaggiare su tutti i treni nei comuni circostanti;
  • Abbonamenti Giovani: Genova non ha tariffe accoglienti per i giovani che studiano e Non dispone di un abbonamento mensile che tutte le altre città hanno, questo titolo di viaggio è sempre personale e non è cedibile come a Bologna. Genova è l’unica città che per gli under 26 applica una agevolazione tariffaria solo in base all’ISEE di 22.000 euro quando a Bologna tutti i ragazzi delle medie viaggiano gratis!
  • Area Metropolitana: assistiamo a una “balcanizzazione” delle tariffe che rende impossibile paragoni, se non constatare l’inadeguatezza e l’arretratezza del sistema di tariffe integrate che rendono impossibile effettivi risparmi agli utenti;
  • Le ultime tariffe “negoziate” con le associazioni dei consumatori risalgono al 2010 dopo il Comune e la Provincia hanno deciso senza di esse.

Note:

(1)  1,00 (75 min)

(2) Aziendale

(3) Valido su tutta la rete ferroviaria regionale

(4)  Solo per 4 linee a scelta

(5) Cedibile

(6)  Reddito < 22.000

(7)  Solo per 4 linee a scelta

(8) Personale

(9) Valido su tutta la rete ferroviaria regionale

 

TARI – tariffe solo utenze domestiche in euro per superfice media 90 mq (istat)

 

 

Comp

TORINO GENOVA FIRENZE PALERMO BOLOGNA BARI
F V T F V T F V T F V T F V T F V T
1 117,00 47,61 164,61 193,50 24,75 218,25 103,50 37,98 141,48 203,40 12,50 215,90 171,00 0 171,00 152,10 45,18 197,28
2 137,70 127,95 265,65 227,70 56,58 284,28 113,40 68,36 181,76 236,70 21,51 258,21 244,80 0 244,80 176,40 90,35 266,75
3 153,90 152,95 306,85 253,80 74,26 328,06 123,30 87,35 210,65 257,40 26,27 283,67 244,80 0 244,80 191,70 115,77 307,47
4 167,40 161,88 329,28 275,40 73,87 349,27 132,30 113,94 246,24 274,50 31,52 306,02 244,80 0 244,80 205,20 146,82 352,02

 

Dalla comparazione effettuata tra le sei città campione delle tariffe per nucleo familiare (da 1 a 4), che racchiude più del 98% delle utenze, risulta che Genova ha la Tari più cara per i nuclei da 1 a 3 componenti che rappresentano oltre il 90% della platea esaminata ed è l’unica città con una azienda senza impianti di smaltimento.

RISTORAZIONE SCOLASTICA

TORINO GENOVA FIRENZE PALERMO BOLOGNA BARI
Quota fissa da 32,00 a 141,00 26,00 18,08 //// // //
Costo a PASTO
reddito € 19.000 4,56 4,30 3,40 4,54 4,80 2,50
reddito € 30.000 5,32 6,50 4,90 6,36 5,20 5,00

*Per tutti i comuni sono previste riduzioni per più minori a carico, disabili, famiglie monogenitoriali ecc…

L’eccessiva frammentazione delle tariffe suddivise per fascia di reddito non consente una efficace comparazione più comprensibile se riferita a due fasce: una medio bassa e una medio alta di 19.000 e 30.000 euro. Nella fascia di reddito medio bassa Genova è terza su sei città nella mentre nella fascia medio alta è prima.

 

Rilevazione a cura ufficio studi Assoutenti in collaborazione con Istituto Ligure del Consumo

Nessun Commento