“Coloriamo Sampierdarena” è un progetto che si pone come obiettivo la riappropriazione di un territorio svalutato e dipinto spesso come fortemente degradato a causa degli episodi di microcriminalità documentati e spesso eccessivamente esaltati dai mass media.
L’iniziativa si rivolge agli abitanti di Sampierdarena e non solo, proponendo diversi meccanismi di partecipazione intergenerazionale e interetnica. Riscoprire il quartiere e imparare a valorizzarlo: queste saranno le chiavi principali per riaprire ai cittadini le porte di Sampierdarena.
Il cuore del progetto saranno 10 passeggiate, proposte dal gruppo “Genova Cammina”, che in ore serali e diurne esploreranno il quartiere, attraverso percorsi prestabiliti. Le prime passeggiate si svolgeranno a novembre 2015 e serviranno per conoscere le botteghe storiche di Sampierdarena, presenti sul territorio da almeno 40 anni; altre passeggiate poi verranno organizzate nel corso di marzo e giugno 2016, per riscoprire rispettivamente i luoghi della Resistenza partigiana e quelli di cultura del quartiere.
A seguire, passo dopo passo, ogni appuntamento ci saranno video maker e reporter, che filmeranno e fotograferanno negozi, monumenti, luoghi storici, vie, strade e giardini. L’iniziativa verrà estesa alle associazioni e alle scuole superiori locali; il materiale realizzato sarà poi diffuso attraverso la Rete Internet e tramite social network per contribuire al rilancio dell’immagine di Sampierdarena. Al termine di ciascuna passeggiata le foto e i filmati migliori, che saranno stati condivisi in Rete, verranno esposti in un’iniziativa pubblica e all’interno di una mostra intitolata “Tra cyberspazio e realtà”. Le realizzazioni migliori scelte durante le tre mostre, che avranno ciascuna la durata di 20 giorni, verranno premiate nel corso di una mostra finale che si terrà a dicembre 2016, in occasione della chiusura del progetto “Coloriamo”.
Fondamentale per la buona riuscita dell’iniziativa sarà il contributo dello sportello per i cittadini, che implementerà l’attività associativa di ascolto, informazione e assistenza, anche legale, su temi non di interesse strettamente consumieristico. La sede di Piazza Vittorio Veneto 31r verrà aperta in orario serale su appuntamento (“Una notte per i diritti”), in modo da presidiare e monitorare le vie di maggiore pericolosità sociale all’interno del quartiere di Sampierdarena.

Botteghe Storiche di Sampierdarena

Le donne della Resistenza a Sampierdarena

Nessun Commento